lunedì, luglio 02, 2007

Guster - Gunging Up On The Sun

INDIE ALBUM: Guster
Gunging Up On The Sun (Ryko - 2007)

L'insostenibile (a volte) leggerezza del pop.

Non vi pesa a volte la leggerezza del pop? (che sia Indie o meno poco importa)
A me si, fatico sempre più a trovare album pop di spessore, ma che rimangano comunque pop.

Gunging Up On The Sun è uno di questi, non ci sono grandi antefatti semantici dietro all'ultimo lavoro dei Guster, solo tanta melodia, intrecci chitarristici leggeri e veloci e tanto sano Pop.

I Guster sono una vera e propria band di culto. Non li avete mai sentiti? Nulla di strano, è normale, visto che si tratta di un culto geolocalizzato nella costa orientale degli States. I Guster devono il loro successo ad un periodo particolarmente prolifico, alla fine degli anni '90, e ad uno zoccolo di pubblico molto duro, attivo su internet e costante nel tempo.

I Guster, veterani della scena indie (calcano gli stessi palchi già dal 1993) sono abili compositori di catchy songs, veloci e piacevoli e mostrano raramente il fianco a banalità e scontatezze. Mandolino e steel guitar, seppur dosati con cautela, sono gli elementi che non t'aspetti da un gruppo natio del Massachusetts. Il paese natale è presto abbandonato in favore del college di Boston, lì si presentano con chitarra acustica e bongo, ma presto il loro sound si plasma su chitarre, melodie semplici e ruffiane, piano, organo e sulle voci di Ryan Miller e Adam Gardner.

I riferimenti sonori sono pochi ma precisi, inquadrano bene le coordinate entro cui si muove il gruppo. In One Man Wercking Machine e Ruby Falls (con uno spiazzante assolo di sax finale), elettronica e sonorità sospese rimandano inequivocabilmente ai Flaming Lips periodo The Soft Bullettin. C'mon è decisamente un gioiello rubato alla corona dei Nada Surf. Durante tutto il disco si respira un'aria rarefatta già ascoltata nei lavori dei My Morning Jacket (ennesimo rimando a qualcosa di Southern, evidentemente non sono tutte casualità). E Satellite, bè Satellite ascoltatela...

Gunging Up On The Sun è il disco definitivo del gruppo, direi anche il più solare che ho ascoltato in questa metà 2007. Freschezza, ritmi incalzanti spizzicati, e sonorità vintage conferiscono al disco un appeal degno di nota, pur rimanendo entro i confini del disimpegno totale. Da ascoltare con i finestrini abbassati e il gomito di fuori.

Per maniaco-depressivi, rassegnati alla penuria di uscite, tipiche del periodo estivo: vi ricrederete!

Similar Artist: Destroyer, My Morning Jacket, Nada Surf
Rating:


Mp3:
Satellite

5 commenti:

Anonimo ha detto...

Great Song ~ thanks...

joses ha detto...

fran, finalmente ho ascoltato iliketrains...grandissimo disco non c'è che dire...bene bene e comunque grazie della segnalazione....a breve x i conigli arriverà un grandissimo disco, soprattutto per chi ha amato alla follia il brit-pop di altissima qualità...ciauz

fran_pi_ ha detto...

Ciao Joses, sono contento che ti siano piaciuti gli iLiKETRAiNS, secondo me sono stati il miglior debutto del 2006.

Comunque se ci prendiamo come gusti, dovresti ascoltatre davvero, anche questi Guster.

Il brit-pop dei primordi, soprattutto quello di casa Creation, l'ho amato anche io, mi hai messo una gran curiosità.

Ciao ciao fran

Sachiel ha detto...

Da quello che scrivi questo sembra essere uno di quei dischi destinati a conquistarmi.presto sarà mio.

fran_pi_ ha detto...

Sach, se ho capito qualcosa di te in tutti questi anni, questo disco ti piacerà.

Ciao ciao