giovedì, aprile 19, 2007

Kieran Hebden/Steve Reid - Tongues

INDIETRONICA: Kieran Hebden/Steve Reid
Tongues (Domino - 2007)

Se nel 2006 l'acquisto di dischi è sceso del 10,5% mentre il mio personale è aumentato, seppure dello 1,5%, un motivo deve pur esserci. A prescindere dalle delucubrazioni sullo stato globale del ciddì come supporto in fase di abbandono (sigh! io riesumerei persino il vinile), una motivo potrebbe esere l'inclusione nel mio "basket shop" dei generi "elettronica" e "jazz".

Kieran Hebden, lo ricorderanno in pochi alla guida del gruppo post-rock Fridge, è molto più conosciutocon lo pseudonimo di Four Tet. Kieran ha scelto di usare il nome di battesimo in firma a questa nuova esperienza discografica una e trina, al fiano del navigato batterista Jazz Steve Reid.

Tongues è il terzo terzo parto di una serie di accese performace live, che hanno visto il variegato duo condividere i medesimi palchi infuocati. Tongues tuttavia, è quanto più lontano possiamo immaginare dai suoi fratelloni maggiori: The Exchange Session Vol. 1 e 2. Chi si aspettava qualcosa di simile è rimasto deluso, se i capitoli precedenti presentavano non più di 3 lunghe tracce a testa, Tongues raccoglie gli episodi più "pop" (entro i limiti del contesto in cui ci troviamo) e accessibili.

Si comincia con atmosfere albeggianti in slow motion, quasi ripescate dai migliori Roxy Music (un tributo ad Eno?). Poi il consueto stravolgimento "Kieraniano": Hebden palesa ancora una volta la sua vera natura di distruttore di musica, e costruttore di rumori. Il suo synth-pop ora è un singhiozzo di elettronica, ora un rutto sintetico e poi una lenta dgestione.

Tongues è la rivincita showbiz di R2-D2 (si proprio lui, il robottino di guerre stellari, dei due quello intelligente che manometteva le serrature), tutto il disco non è nient'altro che una registrazione in lingua robotronica (ascoltare Rhythm Dance per credere). I più convenzionali potrebbero rabbrividire, gli affezzionati parleranno di un disco annacquato, ma per me è semplicemente il migliore dei tre. Gli ossessivo compulsivi (e mi metto in prima fila) hanno finalmente una colonna sonora per le abitudinarie apnee celebrali fissando il nulla.

E forse Kieran ha finalmente trovato quello che cercava in campionatori, samples e drum machines: un batterista jazz. Potevate dirlo subito!

Similar Artist: Nobukazu Takemura, Four Tet, Jack Dejhonette
Rating:


Mp3:
The sun never sets

5 commenti:

ivan ha detto...

il più bello dei tre, imho.

p.s.: in negozio da me, il vinile è riesumato da temo...

:)

ivan ha detto...

sorry, da tempo*

:/

fran_pi_ ha detto...

Insomma devo proprio passare in negozio da te Ivan!!!! Ma scusa una cosa.... dov'è???

Sono contento che la pensiamo allo stesso modo, è il migliore!

Ciao e a presto.

ivan ha detto...

http://www.doyoubeat.com/

(bottom of the page)

ivan ha detto...

grazie a te!

visto che eri già passato qui (da me)

http://soundofmusic.splinder.com/

:)